La Ciotat è sede di numerose cappelle:

Chapelle des Pénitents Bleus (1626)
Boulevard Clémenceau – Esplanade du 8 Mai 1945
Questa cappella è chiamata anche Notre Dame de Grace ed è una tipica costruzione architettonica della contro-riforma. Si è successivamente passato alla proprietà dell’Ospedale, era un luogo di culto per la comunità italiana locale, ed è finalmente diventato sede di mostre. Si consiglia di dare un’occhiata al campanaria ottagonale, le sculture sulla facciata della chiesa, così come i doccioni e le finestre caratteristici. La campana ottagonale fu costruito tra gli anni 1633 e 1650, mentre la decorazione delle finestre interne è stato fatto tra il 1693 e il 1694. La cappella è stato firmato come monumento storico il 31 marzo 1992.

Chapelle des Minimes (1633)
Place Guibert, alla fine di Rue de la Liberté
Questa cappella è stata recentemente ristrutturata dal Comune. E ‘lunga 32m e larga 6 metri ed era il luogo di assedio del Club « Antipolitiques », che era l’associazione popolare che è stata riconosciuta come la società controllata del centro in Rue Thubaneau a Marsiglia (1791). La cappella ha una terrazza alla sua sinistra dove si apre fino al parcheggio di piazza Verdun, e sulla destra dove si affaccia l’accademia di danza sul vecchio quad convento. Che è anche degno di nota è la porta splendidamente creato, che è 300 anni di età.

Chapelle des Pénitents Noirs « Sainte Anne » – 1630
Place Esquiros
Sulla città rinnovata piazza Place Esquiros, si può vedere la bella facciata della chiesa di questa cappella con il suo frontone dei tempi di Controriforma. La costruzione della cappella è iniziata nel 1630 ed è stato pagato dalla confraternita « Penitenti Noirs ». Tuttavia, ben presto scoperto che la cappella era troppo grande e troppo costoso per il piccolo ordine, in modo che la confraternita ha ottenuto in dept. E ‘stato finalmente completato nel 1656 ed è stato preso come un « Bien Nazionale » durante la Rivoluzione Francese. E ‘stato venduto nel mese di settembre 1791. Durante il periodo federalista fu trasformato in una prigione e ormai passato attraverso molte mani fino a quando è stato finalmente acquistato dal Curato Brunet. Egli, a sua volta diede alla fratellanza Sainte-Anne, che è dove il suo nome attuale deriva da.

Chapelle des Pénitents Noirs « San Giuseppe » – 1697
Place Esquiros
Quando la confraternita di Sainte-Anne stabilì nella cappella, la confraternita Pénitents Noirs si trasferì in soli parecchi metri accanto ad essa. Quest’ultima cappella fu rapidamente costruito in soli 6 mesi. Il suo design è quindi piuttosto semplice, ma ha un bel portale in noce. Nel 1819, i restanti membri della confraternita hanno dato la cappella alla congregazione Saint-Joseph, dopo il cui santo è ancora chiamato oggi. La statua di San Giuseppe risale al 1950 e si trova all’interno della chiesa nella nicchia sopra la porta principale.
Massa: Lunedi, Martedì, Giovedi, Venerdì e Sabato alle 08:30, Sabato sera alle 18:00 e Domenica alle 08:00.

Chapelle de l’Oeuvre de Jeunesse – 1872
Boulevard Michelet
Costruito negli anni 1866-1871, la cappella fu inaugurata nel 1872.
L’edificio è abbastanza grande: lunghezza 26m, larghezza 9m e 14m di altezza. Le finestre ben costruite che sono stati ordinati nel 1867 sono opera del grande vetraio Alphonse Didron, che ha fatto anche le finestre delle cattedrali Troyes e Soissons.

Chapelle des Pénitents Bleus «Notre-Dame de la Garde»
Chemin Notre-Dame de La Garde
Questa cappella fu costruita dalla Confraternita dei Penitenti Bleus nel 1610 ed è dedicato all’Immacolata Concezione. Nel 1613 fu benedetta …

• Per saperne di più

Chapelle Sainte-Croix
Chemin de Sainte Croix
Quando si tratta della più antica cappella di La Ciotat, in realtà stiamo parlando della rovina di Sainte-Croix. Fu eretto al di fuori del paese ed è stato uno dei primi posti look-out, prima che la corrente si affacciano, al semaforo, è stato costruito. Apparteneva alla confraternita dei Penitenti Blancs e ospitava un eremita che ha assunto il ruolo di vedetta esploratore e ha dato segnali. E ‘stato venduto come bene nazionale nel 1790 ed è stato trasformato in un due camere edificio residenziale. Tracce di arco sulla facciata della chiesa del nord, la terrazza e il lodge, nonché della volta della sagrestia sono ancora visibili fino a questo giorno. 50 anni fa, l’altare e la sua croce erano ancora visibili, ma al momento tutto quello che c’è da vedere è quella parte del muro. Lungo la strada che conduce a questa cappella ci sono una dozzina di oratori, nonché la cappella di Saint-Monas di cui solo l’arco rimane. Il fatto che la cappella di Sainte Croix è stata costruita su un terreno dove la vite così come fichi e mandorli sono piantati, rende il percorso che conduce passato una particolarmente bella escursione.

Chapelle Saint Jean
Avenue Bellon
La famiglia Lumière, che possedeva questo lembo di terra, aveva la cappella costruita nel 1935. Si tratta di una casa di preghiera vicino alla spiaggia ed è di un design moderno, spazioso e luminoso (20x8m). Un grande cortile permette di funzioni religiose che si terranno all’aperto durante l’estate.
Massa: Sabato 17:00, Domenica 11:00

Chiesa Notre-Dame de l’Assomption
Quai Ganteaume
Tra il 1603 e il 1626 la chiesa fu costruita al fine di ampliare la piccola e primitiva cappella che c’era prima. Il lavoro non è mai stato completamente terminato, il che spiega la riga mancante sulla chiesa fronte orientale …

• Per saperne di più

Il Cristo di Ile Verte
Dal 2005, la chiesa di Notre Dame ospita la statua del Cristo di Ile Verte
Papa Pio VII ha scelto la statua di Gesù da Jean de Bologne (allievo di Michelangelo) per la Provenza. E ‘stato portato a La Ciotat nel 1821, che fu il periodo della cristianizzazione in Francia. Pio VII ha chiesto il Cristo da collocare nella cappella di St Pierre sull’Isola « Ile Verte ». E ‘rimasto lì per più di cento anni, ma è scomparso in mare durante i bombardamenti del 1944. Suoi resti sono stati trovati da un pescatore d’altura e hanno dato al museo. La statua rotta e smantellato attirato l’attenzione di Rurick e Elisabeth Bounatian-Benatov, due architetti parigini che avevano una casa vacanza nella regione. Con il permesso del consiglio della città, si trasferisce la statua alla fonderia di famiglia Valsuani in Chevreuse e ha iniziato un restauro che era chiaramente più di una resurrezione. Rurick e Elisabeth finanziare l’intero restauro stessi e anche fatto ricerche sulla statua nella Città del Vaticano. Lì, hanno scoperto che la scultura è davvero l’opera di Jean de Bologne, che si chiamava anche Giambologna. Attualmente, il Cristo si trova destra dell’altare maggiore della chiesa. A causa di un restauro della cappella di St. Pierre la statua del Cristo potrebbe molto presto al suo posto originario, ancora una volta.

Ancien Couvent des Capucins
Avenue Frédéric Mistral
Nel 1606, previa deliberazione del consiglio, i monaci cappuccini hanno preso la antica cappella di Notre Dame du Bon Voyage nella loro proprietà sotto il vescovo Jacques Turricella. I cappuccini erano un ordine mendicante che aveva viaggiato qui in Italia nel 16 ° secolo, conducendo una vita di penitenti. Erano gli unici che sono stati autorizzati a visitare i malati che erano stati isolati in tempi della peste nera.
Dopo la rivoluzione francese, il convento della fratellanza e le sue dipendenze sono stati venduti ed è diventato, dopo molti vezzi, la clinica « Licorne » di La Ciotat. Oggi, ciò che resta dell’edificio conventuale originale è il rosone che può essere visto in piedi al di fuori di entrata della clinica.

• Accedi al documento PDF in merito cappelle di La Ciotat