Place du 8 Mai
Questo luogo, che si trova sul fondo delle maestose scale della Cappella dei Penitenti Bleus, mantiene viva la memoria dei grandi assemblee e cerimonie che hanno avuto luogo qui. Le terrazze dell’anfiteatro che circondano questo luogo sono stati costruiti nel 1853.
La cappella dei Penitenti Bleus è diventato un terreno mostra e il « Place du 8 Mai » è stato designato per ospitare feste, come ad esempio quello di Saint Jean o la palla annuale (quest’ultimo è il motivo che viene comunemente chiamata anche Place du Grand Bal). Questa piazza è stato completamente rinnovato ed è stato dotato di una fontana di acqua.

Place Pierre Gautier, chiamata anche Place du Théâtre
Questo luogo porta il nome del musicista Pierre Gautier, nato a La Ciotat nel 1642 ed è stato il fondatore della « Ecole de Musique » di Marsiglia. Più comunemente, viene chiamata anche « Place du Théâtre » perché ospitava il teatro locale. L’edificio è stato trasformato in nostro « Mediateca » e conserva così il suo aspetto culturale.

Place de la Liberté
Questa piazza fu creata nel 1796 ed è stato chiamato Place de la Liberté a causa di una leggenda che ha detto che l’albero bagolaro che è stato piantato lì a lungo fa era « l’albero della libertà del 1789 ». Il luogo, che è stato progettato dall’architetto Guirand, è costruito attorno al monumento dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino, che è stato messo lì per il bicentenario della Rivoluzione francese.

Place Gautier
Il luogo porta il nome di un ex sindaco e benefattore di La Ciotat (1829-1897). Il punto di interesse: ecco i Minimes cappella che ha usato per essere un vecchio collegio che è stato gestito dalla confraternita Pères Minimi dal 1745 fino alla rivoluzione.

Place Esquiros
Il nome di questo luogo risale a Henri Adolphe Esquiros, che era un letterato e politico a La Ciotat (1814-1876). A destra, il posto è delimitata dal fronte Cappella dei Penitenti Noirs che risale al 1630. Sulla sinistra, una seconda cappella della confraternita Pénitents Noirs si presenta con un portico ben conservato di noce. Il posto è, infatti, triangolare. In precedenza vi era anche la cappella di San Giuseppe opposto della Auberge du Lion d’Or, ed i due edifici insieme costituito la cornice della Porte de Cassis. Questa è stata l’apertura nel muro della città nel 1550 che ha permesso di accedere alla strada verso Cassis.

Place Evariste Gras
Evariste Gras fu sindaco di La Ciotat (1846-1928)
Nel centro della piazza si trova la costruzione metallica del vecchio mercato, che è stato costruito da Delestrade di Marsiglia. La sala è stato aperto nel gennaio 1892, nonostante le forti proteste dei commercianti e ambulanti che deplora la perdita delle vecchie « Luogo aux Fruits » che era su quello che noi oggi chiamiamo « Place Sadi Carnot ». Alcuni decenni più tardi, è stato deciso che la nuova sala era troppo grande per il mercato, in modo che la parte sud-ovest è stata subaffitto come un cinema chiamato « Le Kursaal ». Più tardi, il cinema è stato ampliato e il complesso cinematografica « Le Lumière », con tre sale, è stato creato.

Square Jean Bouissou
Questa piazza è stato creato nel 1932 in seguito alla demolizione di un edificio residenziale. Si chiamava Piazza Aristide Briand prima, in modo da richiamare la memoria del difensore della pace. Tuttavia, è stato rinominato per l’inaugurazione, in modo da onorare il medico caritatevole e sindaco di La Ciotat, che morì nel 1934.

Place Emile Zola
Questo luogo porta il nome del famoso scrittore Emile Zola (1840-1902). Tra il 1875 e il 1870 l’edilizia residenziale, che ospitava anche il vecchio Maison Comune, fu demolita e consentito per questa piazza per essere creato. Offre anche un passaggio che porta alle banchine sul Vieux Port. In piedi su questa piazza, vedrete la facciata della chiesa di Notre Dame e il Calvario che ricorda una delle Croix de mission eretta nel 1821.

Place Sadi Carnot
Il luogo è stato battezzato il 15 apr 1903 per onorare il presidente francese Sadi Carnot che è stato assassinato a Lione nel 1894. Carnot è venuto a La Ciotat il 18 aprile del 1890 per salutare la nave « Polynésien ». La piazza è parte del vecchio cimitero che risale ai tempi dei romani e circonda la chiesa. Per due anni, il luogo è stato utilizzato anche come un mercato di frutta, divenne la Place de la Liberté à la Révolution, e poi la Place de la Poissonnerie. C’era anche uno stand adeguato pesce, che fu demolita nel 1947 e sostituita da un piccolo giardino con una bella fontana in pietra Rognes, aree salotto per i visitatori, e un centenario albero di magnolia.